I Paesi dell’Est Europa sono uniti nel dire No alle quote di ripartizione dei migranti proposte da Bruxelles per una sola ragione: evitare il precedente che sancirebbe definitivamente l’immigrazione come questione europea e non come una grana nazionale.

migranti ungheria 675L’afflusso massiccio di migranti in Ungheria – come i continui sbarchi a Lampedusa – evidenzia inequivocabilmente l’inadeguatezza dell’attuale sistema europeo di gestione della questione immigrazione e l’utopia dei governi nazionali di poter fare da soli. Come dicono giustamente da anni i governi di Italia e Grecia, i migranti che arrivano dal Mediterraneo – e in questi giorni soprattutto dai Balcani – non sono un problema solo per il Paese di arrivo ma per tutta l’Europa anche e soprattutto perché la maggior parte dei migranti vuole andare dove c’è lavoro, ovvero nel Nord Europa.

La Commissione europea ha provato nei mesi scorsi a proporre un sistema di quote obbligatorio di ripartizione dei migranti, un numero molto basso, sicuramente non risolutivo del problema ma che avrebbe sancito il diritto di Bruxelles – ovvero della comunità europea – ad intervenire nella questione obbligando i governi nazionali a condividere la responsabilità di dare una risposta non egoista ma solidale a questa tragedia umana.

Ecco perché oggi i governi dei Paesi dell’Est si stanno compattando per dire No e mantenere la propria sovranità sull’immigrazione: insomma, appartenere all’Ue va bene quando c’è da prendere i fondi strutturale e di coesione – milioni di fondi Ue utilizzati da Paesi come Polonia, Ungheria e Romania per infrastrutture a latri progetti – ma non quando c’è da condividere le difficoltà di Paesi come Italia e Grecia che accolgono da sempre e a spese proprie migliaia di disperati e di Paesi come Germania e Regno Unito che offrono asilo politico a centinaia di migliaia di profughi.

Populisti e nazionalisti non hanno perso occasione di scagliarsi contro l’Europa per la mancanza di solidarietà dimostrata, vedendo bene, per ignoranza o malizia, di omettere che la causa sono certi governi nazionali e non le istituzioni europee che da mesi spingono, nei limiti dei poteri conferiti loro dalla legge, per una soluzione condivisa. La mancanza di responsabilità e di lungimiranza politica nell’immigrazione – così come nella politica estera ad esempio nell’area mediterranea, anch’essa ancora in balia delle inefficaci e sparpagliate politiche nazionali – sta infilando l’intera Europa in un vicolo cieco che non solo non porterà a nessuna soluzione concreta ma rischia di far implodere l’intero progetto di integrazione europea. Se così fosse i Paesi ai confini dell’Europa, come Italia e Ungheria, si troveranno a gestire da soli l’arrivo di migliaia, forse milioni di profughi. Allora bisognerà decidere se accoglierli e tenerli tutti – perché le frontiere con gli altri Paesi europei saranno chiuse e recintate – oppure farli morire in mare o fuori dal muro. A voi la scelta.

@AlessioPisano

www.alessiopisano.com

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profughi, volontari in auto da Vienna all’Ungheria per accompagnarli. Vaticano: “A disposizione due appartamenti”

next
Articolo Successivo

Grecia, la beffa dei prestiti-truffa BNA. Tra i beneficiari ci sono i maggiori partiti

next