Nebulizzatori rinfrescanti per i visitatori del campo di concentramento di Auschwitz: un rimedio contro la calura, come in un parco divertimenti qualunque. Una scelta che ha scatenato una inevitabile ridda di polemiche, in rete e non solo. La notizia ha turbato alcuni visitatori che hanno iniziato a postare immagini delle docce rinfrescanti, sottolineando l’inopportunità della scelta. Una notizia che è rimbalzata sui giornali di mezzo mondo. Qualcuno ha ironizzato, altri si sono offesi ma quasi nessuno ha condiviso la scelta.

Ecco alcune reazioni da Twitter 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, migliaia a Budapest: chiusa stazione per disordini. Il governo: “Colpa della Merkel”. E invia 3mila soldati al confine

next
Articolo Successivo

Parigi, otto morti in un incendio. Tra le vittime una famiglia senegalese. Fermato un sospetto (FOTO e VIDEO)

next