Un’autobomba è esplosa a Tripoli , nel quartiere di Al Dhara, davanti al quartier generale di Mellitah Oil Company, joint venture di petrolio e gas fra l’italiana Eni e la compagnia petrolifera nazionale libica NOC. Lo riporta il sito Middle East Eye, il quale sostiene che proprio la sede della compagnia era l’obiettivo dell’attentato, avvenuto in una zona in cui si trovano anche le ambasciate dell’Algeria e dell’Arabia Saudita. La notizia è stata confermata dalla compagnia petrolifera italiana: “Non ci sono stati né feriti, né danni rilevanti agli uffici”, ha riferito un portavoce di Eni. “I soldati del Califfato hanno colpito uno dei foyer degli apostati nel quartiere al-Dhahra” a Tripoli, si legge su alcuni profili Twitter vicini allo Stato Islamico, secondo il sito del quotidiano Libya Herald.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, 200 miliziani di Boko Haram a Sirte per unirsi a Isis. “Parata militare in città”

next
Articolo Successivo

Isis, autorità siriane: “Il tempio di Bel a Palmira è ancora in piedi” – Foto

next