Sono giorni di caos negli uffici comunali di Roma, letteralmente presi d’assalto da migliaia di cittadini che, tornati dalle vacanze, hanno trovato nelle cassette delle lettere avvisi di giacenza di raccomandate da parte di Poste Italiane. Arrivati agli sportelli degli uffici postali, però, l’amara sorpresa: per ritirare gli atti di tasse, bollette e multe non pagate (in alcuni casi si trattava di notifiche molto vecchie), ci si deve recare alla Casa comunale di via Petroselli. Da qui la congestione dei locali comunali: si parla di quasi un migliaio di persone al giorno, con evidenti disagi dati dai lunghi tempi di attesa e dal caldo. “Si perde doppia giornata – spiega un signore – perché prima bisogna andare alla Posta, e poi si deve venire qui”. “E’ un casino“, aggiunge un altro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carrara, investe due ragazzine di 15 anni in bici. “Volevo vendicarmi sullo zio”

next
Articolo Successivo

Teramo, la bimba scomparsa ieri era nel bosco: ritrovata dai cani

next