Finisce in tragedia una rapina nella provincia di Catania. Alle Ville di Biancavilla, due uomini a volto coperto hanno fatto irruzione in un’abitazione,  uccidendo Alfio Longo, un pensionato di 67 anni. L’uomo è stato ucciso davanti alla moglie, Enza Ingrassia, a colpi di bastonate, quella mortale alla testa. La consorte è rimasta illesa e ha dato l’allarme,  dopo che i due malviventi si sono dileguati con una quantità indefinita di denaro.

I due ladri hanno svegliato i coniugi, che vivono da soli, e li hanno minacciati per avere soldi e oggetti preziosi. I due malviventi, che sarebbero italiani, hanno poi separato marito e moglie, legandoli in due stanze diverse. Quando la donna è riuscita a liberarsi ha trovato il corpo del marito senza vita e ha avvisato i carabinieri. La moglie della vittima ha riferito agli inquirenti che il marito avrebbe capito chi fossero e avrebbe detto loro: “Vi ho riconosciuti, vi conviene andare via”. I militari stanno verificando se, effettivamente, gli aggressori fossero conosciuti dall’elettricista in pensione o se fosse stata solo una minaccia per “convincerli” a lasciare la villa.
Sull’omicidio e sulla rapina la Procura di Catania ha aperto un’inchiesta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, arrestato Salvatore Casamonica per tentata estorsione: chiedeva soldi in cambio di protezione

next
Articolo Successivo

Puglia, sindacalista ai carabinieri “Bracciante morto? Voce, no testimoni”

next