Mariella, la bimba aggredita domenica sera 9 agosto da un rottweiler a Pino Torinese – secondo quanto pubblicato sul sito de La Stampa – oggi al momento del risveglio post intervento, ha subito pensato a Raul, il cane che l’ha azzannata, dicendo alla madre e ai fratelli: “Vi prego, non fatelo portare via, non è stata colpa sua. In canile morirebbe”. L’undicenne è stata sottoposta ad una operazione maxillo facciale e le ferite riportate al volto saranno visibili ancora per alcune settimane.

Tuttavia, una volta cosciente, la bambina ha chiesto che non si faccia del male al cane degli amici di famiglia. Anche la mamma di Mariella è dello stesso parere: “Mia figlia è cresciuta con quel cane, lo adora. Non so cosa sia successo, ma di certo non è portando via Raul che le sue cicatrici potranno guarire. Si è trattato di un incidente – ha continuato – non è colpa di nessuno e non facciamolo diventare un caso”. Per i medici dell’ospedale torinese Regina Margherita “è una situazione da tenere strettamente sotto controllo anche per il pericolo di infezioni. Poi – hanno spiegato – si valuteranno ulteriori interventi per ridurre il danno al viso”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto dopo Tso a Torino, autopsia: “Collo stretto troppo a lungo. Serviva intervento di rianimazione ma era ammanettato”

next
Articolo Successivo

Emergenza cinghiali Sicilia, Ars approva norma sull’abbattimento e la cattura

next