Il comune di San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna applica una significativa riduzione della tassa sui rifiuti (Tari), ben il 25% , ai genitori che utilizzano pannolini lavabili per i loro bebè.

Il consiglio comunale del paese nel bolognese ha approvato la modifica al pagamento della tassa sui rifiuti per i nuclei familiari composti da bambini sotto i tre anni. I genitori, presentando una ricevuta che attesti il possesso di almeno 16 pannolini lavabili tramite fattura o scontrino fiscale potranno usufruire dello sconto fino al compimento del terzo anno di età del bambino e non oltre.

“Dopo gli ottimi risultati”, ha commentato il vicesindaco di Persiceto Tommaso Cotti, “sulla raccolta differenziata che quest’anno toccherà l’80%, l’impegno di tutti noi deve essere rivolto alla riduzione della produzione dei rifiuti. In questa ottica il Consiglio comunale ha approvato la modifica al regolamento Tari. Per godere della riduzione è necessario presentare specifica domanda a Geovest: l’applicazione decorrerà dal mese successivo alla domanda e per il 2015 sarà computabile solo se pervenuta entro il 30 settembre 2015, negli anni successivi occorrerà presentare domanda entro il 28 febbraio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cisa Faenza, multinazionale delle serrature delocalizza: a rischio 250 posti. Operai: ‘Si pensa a profitto senza qualità’

next
Articolo Successivo

Cocoricò, “tanti gestori non segnalano lo spaccio perché temono la chiusura. La legge va cambiata”

next