Le principali Borse europee hanno aperto tutte in positivo dopo che il Parlamento di Atene ha votato sì al secondo pacchetto di riforme imposte dai creditori. Ma nel corso della seduta i mercati hanno ripiegato e a fine seduta erano tutti in rosso con l’eccezione di Parigi, a +0,08%. Piazza Affari, che in avvio guadagnava lo 0,6%, ha chiuso a -0,2%. Maglia nera Madrid, a -0,37%.

Bene invece il mercato obbligazionario. Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani a dieci anni e gli omologhi tedeschi (in gergo spread) si è ridotto a 115 punti, contro i 119 della chiusura di mercoledì. Il tasso di interesse sui Btp è all’1,9%, in lieve calo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mc Donald’s Milano, dopo la chiusura in San Babila 4 licenziamenti

next
Articolo Successivo

Ferrari, depositata richiesta di quotazione a Wall Street. “Sede fiscale in Italia”

next