Le principali Borse europee hanno aperto tutte in positivo dopo che il Parlamento di Atene ha votato sì al secondo pacchetto di riforme imposte dai creditori. Ma nel corso della seduta i mercati hanno ripiegato e a fine seduta erano tutti in rosso con l’eccezione di Parigi, a +0,08%. Piazza Affari, che in avvio guadagnava lo 0,6%, ha chiuso a -0,2%. Maglia nera Madrid, a -0,37%.

Bene invece il mercato obbligazionario. Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani a dieci anni e gli omologhi tedeschi (in gergo spread) si è ridotto a 115 punti, contro i 119 della chiusura di mercoledì. Il tasso di interesse sui Btp è all’1,9%, in lieve calo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mc Donald’s Milano, dopo la chiusura in San Babila 4 licenziamenti

next
Articolo Successivo

Ferrari, depositata richiesta di quotazione a Wall Street. “Sede fiscale in Italia”

next