E’ morto nella notte il pilota di Formula1 Jules Bianchi. Era ricoverato al Centro ospedaliero universitario di Nizza. Bianchi era in coma dopo un grave incidente che lo aveva coinvolto al Gran Premio del Giappone dell’ultimo anno. La famiglia del francese ha annunciato la notizia tramite i profili Twitter e Facebook del pilota, scrivendo: “Con estrema tristezza i genitori di Jules Bianchi, Philippe e Christine, suo fratello Tom e sua sorella Melanie, annunciano che Jules è spirato la scorsa notte al CHU di Nizza, a seguito dell’incidente del 5 ottobre 2014 al circuito di Suzuka durante il gran premio di Formula1″.

“Jules – continua la nota su Facebook della famiglia – ha combattuto fino alla fine, come ha sempre fatto, ma la sua battaglia è giunta al termine. Il dolore che proviamo è immenso e indescrivibile. Vogliamo ringraziare lo staff medico del CHU di Nizza che si è preso cura di lui con amore. Vogliamo ringraziare anche lo staff del centro medico generale della prefettura di Mie in Giappone che ha soccorso Jules immediatamente dopo l’incidente, così come gli altri dottori che sono stati coinvolti nella sua cura negli ultimi mesi”, conclude la nota. La morte di Bianchi è stata confermata anche dalla sua scuderia, la Manor, che ha twittato: “Siamo devastati dalla perdita di Jules dopo una dura battaglia. È stato un privilegio per noi averlo nel nostro team”.

La morte di Jules Bianchi ha colpito duramente il mondo della Formula1 e delle corse in generale, tanto che la dinamica del suo incidente ha predisposto la F1 a cambiare il regolamento e a fermare prima le corse in regimi di bandiere gialle. Molti messaggi di cordoglio da parte di fan e colleghi, su Twitter, come dall’ex campione di Formula 1 Mario Andretti: “Le mie più sentite condoglianze alla famiglia di Jules Bianchi per la fine di una giovane promettente vita. Le mie preghiere sono per te”. “Non ci sono parole per descrivere cosa hanno perso la sua famiglia e lo sport. Tutto quello che posso dire è che è stato un piacere conoscerti e gareggiare con te”, ha scritto il pilota Max Chilton, che ha postato anche un paio di foto insieme a Bianchi. “Riposa in pace Jules Bianchi, questo sport che tanto amiamo può essere davvero crudele”, ha invece scritto il pilota Dario Franchitti su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, Sky: “Valtteri Bottas in Ferrari al posto di Raikkonen dal prossimo anno”

next
Articolo Successivo

Jules Bianchi morto, chi era il giovane pilota promessa della Ferrari

next