Il golf italiano è in lutto per la morte di Teodoro Soldati, uno dei suoi giovani con maggiore talento, scomparso il 16 luglio per una leucemia fulminante. “Sono sconvolto e ho un profondo senso di angoscia – ha commentato Franco Chimenti, presidente della Federazione italiana golf – Quella di Teodoro è una malattia terribile, che ti colpisce in maniera vigliacca, senza preavviso, e non lascia scampo. Sarebbe diventato un giocatore fantastico, un esempio per tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo, ma questa è l’unica cosa alla quale non penso in questo momento”.

La promessa del green italiano era nato a Como, avrebbe compiuto sedici anni il prossimo 13 agosto. Nella sua breve carriera ha vinto cinque titoli nazionali. Lo scorso 3 maggio era arrivato primo al Campionato Nazionale Medal/Trofeo Franco Bevione, sconfiggendo golfisti ben più grandi di lui; si è trattato del suo ultimo titolo individuale dopo aver conquistato quelli Baby (2010 e 2011), Dilettanti Match Play (2013) e Ragazzi Match Play (2014). Il talento italiano era stato protagonista anche in campo internazionale, dove si era imposto nel Belgian International Boys (2012), nell’English Boys categoria Under 13 (2012) e negli Internazionali d’Italia Under 16 (2014).

Ha disputato le sue ultime gare con la maglia della nazionale azzurra, che indossava da più di tre anni, con la squadra Boys, impegnato a difendere il titolo europeo in Finlandia. Soldati, dopo aver preso parte alla qualificazione medal e aver giocato il doppio nel primo match play, aveva poi dovuto dare forfait perché aveva avuto un forte malore. “Perdiamo un ragazzo straordinario – ha detto il tecnico della nazionale, Alberto Bianghi – Un ragazzo dolcissimo, sempre rispettoso ed educato, e di grande talento. Mentre giocavamo gli Europei aveva iniziato ad avere un po’ di febbre, ma voleva giocare comunque, era sempre disponibile. Poi, una volta tornato a casa, ha avuto la diagnosi terribile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tour de France 2015, Purito vince sotto la grandine. Froome non fa una piega, Nibali questa volta almeno respira

prev
Articolo Successivo

Alpinismo, 150 anni fa la conquista del Cervino. Hervé Barmasse: “In futuro apriremo ancora nuove vie”

next