“E’ vero che Alexis Tsipras ha raggiunto un compromesso, ma sta lottando nella totale solitudine. Il vero europeista, innamorato dell’Europa, è lui e non Matteo Renzi che, a poche ore dal referendum, è andato a fare il paggetto dalla Merkel. Renzi ha giocato la partita peggiore”. Così Nichi Vendola, durante l’assemblea nazionale di Sel a Roma, commenta la crisi greca. “Hanno guardato Tsipras come un teppista e – aggiunge Vendola – hanno preso in giro le sgrammaticature di Varoufakis, ma restano silenti di fronte ai fascisti e ai muri innalzati in Europa“. “Tsipras per i giornali era un pagliaccio e adesso – sostiene  il deputato Sel, Nicola Fratoianni – è un venduto, ma i greci non lo percepiscono così, la partita sulla rinegoziazione del debito è quella fondamentale”. Di diverso avviso è Stefano Fassina, ex Pd: “E’ un memorandum recessivo che condanna la Grecia e tutta l’Europa al baratro”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Letta e i giudizi per telefono di Renzi, Travaglio: “E’ un sistema di potere che ‘gattopardescamente’ non se ne va”

prev
Articolo Successivo

Vendola (Sel): “Nuovo soggetto unitario a ottobre, ma non sarà un accrocco politico”

next