La giunta per le immunità del Senato ha dato parere positivo alla richiesta di arresto della procura di Trani per Antonio Azzollini. Dopo il rinvio di ieri arriva la stangata per il senatore del Nuovo Centrodestra, coinvolto nell’inchiesta sulle case di cura della procura pugliese. Adesso spetterà al Senato esprimersi sulla vicenda.  I voti favorevoli all’arresto sono stati 13 (quelli del Pd, del M5s e della Lega Nord), 7 invece i voti contrari (Forza Italia, Ncd e Gal). 

Indagato per la presunta maxitruffa del porto di Molfetta e destinatario della richiesta di arresto per il crac della casa di cura “Divina Provvidenza, proprio oggi Azzollini ha rassegnato le dimissioni dalla presidenza della commissione Bilancio del Senato, carica che ricopre da circa 12 anni. “La commissione che ho l’onore di presiedere ha bisogno di decisioni che richiedono dedizione assoluta e tempo pieno”, ha scritto nella sua lettera di dimissioni ribadendo la “totale infondatezza dei fatti giudiziari” che lo vedono coinvolto.

Azzollini è presidente di una delle commissioni più importanti di Palazzo Madama da più di 10 anni. Ha ricoperto la carica ininterrottamente dal 2001 con la sola parentesi del governo Prodi. Ha resistito all’indagine per la presunta maxitruffa del porto della città di cui è stato sindaco. La stessa giunta per le immunità a ottobre scorso aveva respinto la richiesta della procura di usare le intercettazioni nell’ambito di quella stessa inchiesta adducendo la giustificazione che si trattasse di “fumus persecutionis”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Azzollini, in giunta al Senato proposto ok all’arresto del senatore Ncd. Voto rinviato

next
Articolo Successivo

Senato, bocciato esame urgente ddl per referendum su Euro. Sì di Lega e M5S

next