Ritagli di giornali, lettere d’accompagnamento, cablogrammi diplomatici e migliaia di pagine con appunti e informazioni di scarso interesse e nella maggior parte dei casi già valutate dalla magistratura e dal Parlamento. La direttiva Renzi sulladeclassificazione dei documenti riguardanti le stragi e gli atti di terrorismo che hanno insanguinato la storia d’Italia dagli anni Sessanta in poi, secondo quanto annunciò Palazzo Chigi, avrebbe dovuto consentire al Paese di fare un passo in avanti, rispetto ai silenzi del passato, ma così non è stato. A un anno di distanza da quel provvedimento, tanto atteso dai familiari delle vittime di quella orribile stagione, il bilancio è deludente e molto discutibile.

OPERAZIONE TRASPARENZA L’ultima a sollevare il caso è stata Daria Bonfietti, la presidente dell’associazione dei familiari delle 81 vittime della strage di Ustica, di cui il 27 giugno ricorreva il trentacinquesimo anniversario, che ha definito l’operazione «molto negativa» giudicando i documenti finora declassificati «inutili e deludenti». Delusi anche coloro che da anni attendevano una svolta sul sequestro Moro, sulla strage di Peteano, su quella del treno Italicus e di Piazza Fontana, su Piazza della Loggia e Gioia Tauro, sulla bomba alla stazione di Bologna e sul rapido 904.

CAOS IN ARCHIVIO Il Governo non ha considerato le difficoltà pratiche che l’operazione trasparenza avrebbe comportato, abbandonando a se stesso l’Archivio centrale dello Stato (Acs). Ogni istituzione pubblica è obbligata a valutare cosa si può declassificare e a conferirla in archivio, dove, però, non ci sono né mezzi né risorse adeguate per consentire a tutti la consultazione dei documenti. «Che da quella circolare sia conseguita una capacità reale di vedere qualcosa d’importante, non è vero – attacca ancora Bonfietti – tutto è complicato e capisco le difficoltà, ma quando si fanno dichiarazioni di questo tipo e si alimentano speranze, ci si deve anche mettere in condizione di attuare il provvedimento. E questo non è stato fatto». Un esempio: il regolamento dell’Acs consente di richiedere in copia 800 documenti l’anno, dunque per consultare l’ultimo fondo conferito dall’Aeronautica militare e riguardante il caso Ustica ne sarebbero necessari circa 13, essendo composto da 11 mila documenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parlamento umiliato, il governo risponde solo al 32% delle interrogazioni

next
Articolo Successivo

Farnesina, per il personale in servizio in Svizzera aumenti fino al 10 per cento

next