Un giovane dipendente dello stabilimento della Volkswagen è stato schiacciato da un robot dell’impianto in cui stava lavorando contro un pannello di metallo ed è rimasto ucciso. Il fatto è avvenuto in Germania a Baunatal, comune del Land dell’Assia, a pochi km da Francoforte. E’ stata aperta dalla procura locale un’inchiesta per “appurare eventuali responsabilità” – ha affermato Heiko Hillwig, un portavoce a Kassel, al giornale locale “Hessische Niedersächsische”. Sarebbe il primo caso di un lavoratore rimasto ucciso in una circostanza simile: “Non si ha memoria di incidenti mortali in circostanze analoghe”, precisa il portavoce. Dalla sede di Wolfsburg, l’azienda automobilistica fa sapere che con lo stesso robot aveva lavorato anche un altro dipendente, senza che nulla facesse emergere qualche problema del macchinario.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, Amazzonia e disbocamento: la farsa

next
Articolo Successivo

Wikileaks, Julian Assange: “Pericolo di vita, Francia mi accolga”. No dell’Eliseo

next