Se a Roma si votasse oggi, il Movimento Cinque Stelle si presenterebbe al ballottaggio da primo partito con un distacco notevole (6%) sul Pd. E’ il risultato di un sondaggio di Tecnè per Porta a Porta. Secondo la rilevazione, gli scandali di Mafia Capitale e i primi due anni di amministrazione Marino hanno prodotto un vistoso calo del Partito democratico in città. I Cinque Stelle raccoglierebbero ad oggi il 32 per cento dei voti, davanti al Pd (26). La terza forza, ma a distanza di 15 punti, sarebbe Forza Italia che non supererebbe l’11 per cento. La Lega nella Capitale si fermerebbe al 4. Fratelli d’Italia sarebbe invece il secondo partito nell’area di centrodestra (7%). Sia Sel sia Area Popolare raggiungerebbero il 4 per cento. Certo, sarebbe un risultato in cui il primo partito sarebbe di gran lunga quello del non voto: l’astensione è infatti data al 50 per cento.

La stessa “sofferenza” del Pd, tuttavia, sembra emergere – nei sondaggi Tecnè per Porta a Porta – anche a livello nazionale: addio 40 per cento, i democratici sarebbero ad oggi al 32,5 per cento. Il Partito democratico sarebbe comunque il primo partito, ma il Movimento Cinque Stelle salirebbe fino al 25. Il terzo partito è la Lega Nord (15,5), ancora davanti a Forza Italia (12,5). Supererebbero la soglia di sbarramento fissata dall’Italicum Area Popolare (Ncd e Udc, 3,5%), Fratelli d’Italia (4) e Sel (3). L’astensione è data al 53 per cento.

Sono risultati “confortati” anche da altri istituti. Per esempio Euromedia per Ballarò. Il Pd è dato al 32,5 davanti al M5s (23). La Lega sarebbe al 15 e Forza Italia al 13,4. Nel campo del centrodestra Fratelli d’Italia raggiungerebbero il 4,1 per cento, mentre Area Popolare si fermerebbe il 2,8 (e così resterebbe fuori dal Parlamento). Sel è al 3,5, mentre l’area a sinistra del Pd in cui confluirebbero Possibile (cioè Civati) e Coalizione sociale (cioè Landini) toccherebbe il 3,9.

Infine Datamedia che ha realizzato un sondaggio per Il Tempo. Qui il Pd è dato al 34,2 per cento. Il Movimento Cinque Stelle è al 22,4. I leghisti guidano il centrodestra (15,3), i berlusconiani li rincorrono (12,3), Fratelli d’Italia è al 4,1, mentre anche in questo caso Area Popolare è data virtualmente fuori dalla Camera (2,7). Sel invece ce la farebbe, con il 3,8 per cento. Gli indecisi sono il 17,3 per cento, chi ha già deciso di astenersi il 33,7. Insieme fanno più del 50 per cento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toscana, renziana esclusa dalle liste: “Ha vinto patto di potere. Candidati decisi a tavolino sono in consiglio e giunta”

next
Articolo Successivo

Bilanci dei partiti? Commissione garanzia: “Impossibile capire se sono veri o falsi”

next