Ho visto prime firme del Sole 24 Ore sfogliarlo compulsivamente di prima mattina. Ho visto l’espressione rosicona di chi si è visto intruppare in uno di quegli incontri dei potenti che decidono sopra le nostre teste. Ho visto vanitosi parvenu del giornalismo voracemente alla ricerca del proprio articolo. Ho visto donne leggere interessate del piacere femminile, e uomini interessati a leggere del piacere femminile. Se non ci fosse, Dagospia bisognerebbe inventarlo! Ma siccome c’è, è interessante raccontarlo per quello che rappresenta. Non da sapienti critici, magari anche un po’ tromboni delle tendenze mass mediatiche, ma per quello che riesce a riunire sotto quella stessa testata un tempo considerata kitsch (alla tedesca), oggi molto chic.

Roberto-D'AgostinoDagospia può permettersi di sbattere in apertura i veri battibecchi tra le prime donne del giornalismo italiano o della politica. Può essere irriverente con le dame protette dal giornalismo italiano. Può scrivere di sesso senza trattare le donne da bagasce o gli uomini da puttanieri. Però può anche fare il contrario. Perché questa è l’Italiachecché se ne scriva. Dentro o fuori dai palazzi del potere. Dagospia siamo tutti noi. Pronti sempre a sbirciare dal buco di ogni serratura, salvo poi ritrarci appena veniamo scoperti. Con le vanità, le meschinità e le fragilità di piccoli uomini e di piccole donne.

Ma su Dagospia leggi anche articoli che su altre testate trovi ripresi e rimpastati magari dopo settimane, da chi si è perso la notizia ma è troppo orgoglioso per ammetterlo e citare anche solo con un riferimento chi per prima ne ha parlato. Questo fine settimana ho trovato molto bella la storia di Emilietta che vive al terminal di Malpensa raccontata su Il Giornale. Quando è nata “Tendenza cafonal” ci sembrava che quel mondo fosse stato inventato per stupire; oggi i “cafonal” se proprio non sono dentro di noi sono nostri gemelli anche non diversi. Le immagini dei festini romani commentati hanno fatto moda e ora vengono scopiazzati. Pure le improbabili mani cariche di anelli di Roberto D’Agostino ora sono trendy, senza parlare dei suoi tatuaggi. La rassegna stampa di Dagospia può davvero permettersi di essere obiettiva mescolando sacro e profano, senza pregiudizio ma con l’unico giudizio della lettura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agenzie di stampa, fondi pubblici ridotti e la riforma Lotti parte “a singhiozzo”

prev
Articolo Successivo

Giustizia, d’ora in avanti i processi facciamoli solo in tv

next