La Commissione petizioni dell’Ue ha riconosciuto la procedura d’urgenza per la petizione consegnata al Parlamento europeo per il riconoscimento dei diritti dei caregiver familiari residenti in Italia, consegnata a Bruxelles lo scorso 27 gennaio e sottoscritta da circa 32mila persone.

“Un risultato importante e una grande notizia arriva dall’Europa – sottolinea all’Adnkronos Simona Bellini, presidente del Coordinamento famiglie disabili gravi e gravissimi – Curarsi di un proprio familiare gravemente disabile è una scelta d’amore che deve  essere sostenuta! Lo Stato italiano, invece, si rifiuta di riconoscere ai caregiver familiari anche i diritti umani fondamentali come quello alla salute, al riposo, alla vita sociale”.

Il Coordinamento, che è stato uno dei maggiori sostenitori della petizione in difesa dei diritti di tutti i familiari italiani con disabili a carico, ha aggiunto che: “Probabilmente subito dopo l’estate, saremo in aula a Bruxelles ad esporre le nostre richieste. Se l’Italia, con mille scuse ma per interessi economici di pochi, continua a snobbarci, l’Europa ci offre la massima attenzione. Questo riconoscimento che arriva dall’Europa – sostengono i promotori – è una grande vittoria per tutti noi caregiver”.

La petizione, che chiede il riconoscimento delle tutele previdenziali e giuridiche di chi assiste, in modo costante e continuativo, un familiare con disabilità, è stata presentata dopo che, nell’ottobre scorso, il Tribunale del Lavoro di Roma aveva respinto, per “vizio di forma”, il ricorso dei caregiver familiari, che denunciavano, tra l’altro, l’incostituzionalità di questa lacuna legislativa nel nostro paese, unico in Europa. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gay Pride 2015: le piazze italiane sull’onda della speranza di cambiamento

prev
Articolo Successivo

Facebook arcobaleno: gli italiani dimostrano di essere più avanti dei loro governanti

next