Legalizzala”, recita quello che forse è il suo brano di maggior successo. Dai tempi di “Ohi Maria” e degli Articolo 31 sono passati più di vent’anni, ma J-Ax (all’anagrafe Alessandro Aleotti) non ha cambiato idea: l’Italia deve liberalizzare il consumo della marijuana. E lo ha ribadito anche giovedì sera, ospite nel corso di Rosso di sera, l’evento organizzato da Michele Santoro a Firenze. Semmai è cambiato l’approccio: visto che la battaglia ideologica non ha portato a nulla (“la situazione non si è smossa di un centimetro”) meglio far leva sull’aspetto economico: “L’italiano sviluppa empatia solo se gli si ingrassa il portafoglio. Bisogna fare come fanno i politici”.

J-Ax, lei è sempre stato testimonial della campagna per la liberalizzazione delle droghe leggere. Perché?
Perché sono un libertario. L’individuo pensante non vuole più vivere in una società dove è legale il whisky e illegale un’altra cosa che fa meno male, solo perché alcune persone per alcuni interessi hanno deciso così. È fondamentalmente una questione di libertà.

Però ultimamente ha cambiato argomenti: non più per la libertà, ma per i soldi…
Sì, in Italia le cose si fanno solo se le vogliono i poteri forti: le banche, i governi, l’economia. Allora forse la soluzione è questa: coinvolgiamoli. Magari se lo Stato guadagna un tot per ogni canna che ci fumiamo le cose cambiano. È un approccio utilitaristico. E vista la risonanza che hanno avuto le mie parole posso dire che sta funzionando.

Quanto potrebbe guadagnarci l’Italia dalla liberalizzazione?
Non sono un esperto, non sta a me dirlo. Ma sicuramente parliamo di miliardi e miliardi di euro: solo da me e dai miei amici chissà quanti soldi arriverebbero! Cominciamo a dire alla gente che grazie alla marijuana possiamo abbassare le tasse, o aumentare le pensioni. E vediamo quanti sono a favore e quanti contro. Anche perché c’è un aspetto che gli economisti non considerano…

Quale?
Il turismo. Ma ve lo immaginate cosa diventa l’Italia con la legalizzazione delle droghe leggere? Vai a vedere i monumenti di Roma e Venezia, o vai al mare al Sud. E poi ti fai una bella canna. Sbaragliamo tutti, facciamo fallire l’Olanda. Però dobbiamo essere rapidi a non farci fregare l’idea dalla Spagna o dalla Grecia.

Tutto molto lineare. Perché allora non si fa nulla?
Purtroppo la lobby dei conservatori in Italia è forte: sono convinto che se mai arrivassimo vicini, succederebbe il finimondo. E poi c’è un altro problema: forse chi ci guadagna adesso non vuole mollare l’enorme business che ha in mano. La legalizzazione sarebbe una spallata clamorosa alla criminalità organizzata. In Italia c’è davvero la volontà, o la forza di darla? Me lo chiedo spesso.

Ma davvero non ci sono contro indicazioni?
Certo che ci sono. Come per tutti i vizi, né più, né meno. Basta proibizionismo, è un atteggiamento scimmiesco. Non se ne può più della storia che la canna è il primo passo verso le droghe pesanti. Quello è un discorso di predisposizione, soggettivo. Posso fare qualche esempio?

Prego…
L’alcolista comincia con un bicchierino la sera a cena, ma nessuno si sognerebbe mai di vietare la produzione di vino. Anche il maniaco sessuale parte con una sega. Ma per fortuna non tutti i ragazzi che si masturbano diventano stupratori. (Questa la scriviamo eh! – insiste, ndr).

La sua battaglia va avanti sin dagli inizi della sua carriera. Cosa è cambiato in tutti questi anni?
Nulla, non è cambiato nulla. Anzi, la Fini-Giovanardi aveva anche peggiorato le cose. È una grande delusione vivere in un Paese che non va avanti. Anche se secondo me oggi è mutato l’atteggiamento dell’opinione pubblica.

In che senso?
Non ci sono più i pregiudizi di una volta. Ormai pure le forze dell’ordine sono stanche di perdere tempo dietro ai ragazzini che si fanno le canne. E penso che anche i politici contrari non credono più alle storie che raccontano. È tutta propaganda. Forse solo Giovanardi la pensa sempre uguale, ma quello è un caso a parte.

E lei? Il suo atteggiamento è cambiato rispetto a 20 anni fa?
Non penso più che la marijuana faccia bene e basta, che l’erba salverà il mondo. Quella è una visione romantica che si può avere da ragazzi. È passato tanto tempo, siamo tutti più cresciuti. Adesso affrontiamo la questione da un punto di vista razionale.

Però, ci dica la verità: lei le canne se le fa ancora?
Assolutamente no: ora ho 42 anni, non fumo da decenni. Sai, anche le forze dell’ordine leggono il Fatto

Da Il Fatto Quotidiano del 21 giugno 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Claudia Koll, l’abiura dell’attrice: “Sognavo Bergman, sono finita con Tinto Brass. Ha ostacolato la mia carriera”

prev
Articolo Successivo

“12 anni schiavo”, la pronipote di Solomon: “La strage di Charleston? Ci riporta indietro agli anni Cinquanta”

next