Il gruppo Sky vuole Mtv. Secondo quanto riporta Repubblica, la famiglia Murdoch è in trattative con lo statunitense Viacom per comprare il canale 8 del digitale terrestre gratuito, quello su cui ora va in onda appunto il canale musicale. La piattaforma della pay tv controllata da 21st Century Fox, però, avrebbe intenzione di mettere a punto per il canale un nuovo palinsesto, forse a prevalente contenuto sportivo. Conquistare il tasto numero 8 del telecomando degli italiani permetterebbe a Sky di contrastare Rai e Mediaset sul digitale gratuito senza dover per forza rifugiarsi su canali a due cifre.

Non è noto il valore dell’operazione, che secondo fonti governative citate dal quotidiano di Largo Fochetti sarà chiusa la prossima settimana. Viacom dovrebbe ricevere subito una prima tranche di pagamento, mentre una seconda seguirà solo una volta che sia chiusa positivamente la causa legale sulla numerazione dei canali avviata da Telenorba. L’emittente sostiene che i numeri 7, 8 e 9 del telecomando vanno assegnati a emittenti regionali e non nazionali e che comunque sono tenute a diffondere un palinsesto generalista, al contrario di quello che fa Mtv. Chiaramente, Sky non intende procedere fino a quando la controversia non sia stata risolta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Social media: grazie a loro la Rete è un luogo più democratico

next
Articolo Successivo

L’Unità torna in edicola “entro il 30 giugno”. Sede a Roma, Frulletti direttore

next