A una settimana dal 27 maggio scorso, quando un auto con a bordo tre ragazzi di origine rom ha sfrecciato a 180 chilometri orari uccidendo una signora e ferendo otto persone, sul luogo dell’incidente, in via Battistini a Roma, un presidio dei centri sociali protesta contro la manifestazione di Casapound. Le forze dell’ordine caricano gli attivisti di sinistra. “Difendete i fasciti – urlano – Caricate alle spalle, quanta cocaina avete pippato?” Dopo l’allontanamento, inizia il presidio di Casapound: “Non abbiamo paura di quattro buffoni – attaccano – siamo qui a difendere il popolo italiano” di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bergamo, 19enne accoltellata in strada dal marito e dall’amante 16enne incinta

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, inchiesta bis: perquisizioni nella sede della cooperativa La Cascina

next