Arriva la spesa 2.0: provare gratis tredici prodotti con l’obbligo di recensirli sui social network, postando cioè foto e commenti su Facebook, Instagram o Twitter. E’ l’idea che sta dietro al Free Social Market, start up nata a Pescara e oggi sbarcata a Roma con due store, uno a via Tibullo e l’altro a via Licinio Murena, zona Tuscolana. Con il costo di un abbonamento mensile di 4,90 euro si porta a casa una spesa dal valore non inferiore a 50 euro: olio di tartufo, grappa genziana, pregiate confetture, flaconi per l’igiene intima, prodotti biologici e artigianali che non si acquisterebbero per questioni di risparmio. “E’ una rivoluzione nel mondo del marketing, il consumatore da soggetto passivo diventa parte attiva del meccanismo pubblicitario”, spiega Martina Marinelli ideatrice della start up. Per le aziende di piccola e media dimensione il vantaggio è chiaro: risparmiano sui costi spesso proibitivi della pubblicità. L’idea richiama il free market danese, ma in questo caso gli store diventano, oltre che promotori, distributori dei prodotti di aziende locali. “La merce è di qualità, trovi cose che raramente scovi negli scaffali dei supermercati a un prezzo super accessibile”, dice un abbonato . “Non ho Facebook e Twitter, mi aprirò un profilo falso”, commenta ironico un signore. E dopo Roma le prossime aperture sono previste a Milano, Reggio Emilia e Messina  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Winx, Straffi: “Negli studi della Bufalotta dove inventiamo fatine e orchi animati in 3D”

prev
Articolo Successivo

Apple watch arriva in Italia e altri sei Paesi dal 26 giugno

next