I nervi sono fior di pelle a Formia, dove la caccia al killer dell’avvocato e blogger Mario Piccolino va avanti senza sosta da venerdì scorso. Poco dopo mezzogiorno i carabinieri hanno esploso alcuni colpi di pistola in aria mentre inseguivano un uomo fuggito durante un controllo.

Dopo un breve inseguimento a piedi nella zona don Bosco – poco distante dal porto – i militari sono riusciti a fermare l’uomo. Nel frattempo la capitaneria di Porto è partita all’inseguimento di un motoscafo che – secondo alcune fonti – era pronto a prendere a bordo il fuggitivo. Al momento non è noto se l’episodio sia legato alle indagini in corso sull’omicidio di venerdì scorso.

L’avvocato Piccolino, 71 anni, è rimasto ucciso nel suo studio il 29 maggio scorso, con un colpo di arma di fuoco alla fronte. In queste ultime ore la squadra mobile di Latina avrebbe effettuato diverse perquisizioni nelle residenze di alcuni soggetti locali. Gli inquirenti avrebbero effettuato anche alcune prove Stub, cercando tracce di polvere da sparo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pisa, si ribalta bus-navetta all’interno dell’ospedale: autista morto, 10 feriti

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, uno dei nominati dal Papa contro il ministro dell’economia vaticana

next