“Gli impresentabili? Ci sono sempre stati in questo Paese. Si chiamavano in un’altra maniera. Abbiamo fatto il primo V-Day per mandarli a casa”. Beppe Grillo arringa la folla a Genova, in piazza De Ferrari, nell’ultimo comizio del Movimento 5 Stelle per sostenere la corsa di Alice Salvatore alla Regione Liguria. “Io sono il più impresentabile di tutti. Ma non mi candido. Non ci vado in Parlamento. Ho due o tre condanne, settanta processi, dove vuoi che vada? Io sto fuori, insieme a voi”. Poi l’attacco alla classe politica. “Abbiamo della gente che dobbiamo guardare dal punto di vista psichiatrico – racconta il comico –  Abbiamo il paranoico. Gente che in tv sembra perfetta, poi nella loro vita sono dei repressi, dei compulsivi sessuali: vanno coi travestiti, con le mignotte, sniffano coca”. Un passaggio anche sul Jobs Act. “L’ha inventato Schroeder nel 2005. Vuol dire prendere un lavoratore e dividerlo per tre. Fai tre occupati in più, ma le ore di lavoro rimangono così”. Infine, solita stoccata al mondo dell’informazione, e nel mirino finisce Bruno Vespa. “Ci sono andato. Se mi avessero sparato nei coglioni, mi avrebbero fatto più piacere. Non faccio neanche bella figura a parlare da uno che chiamavo ‘Chi striscia non inciampa’”. Al termine dello show, il leader del M5S si è intrattenuto qualche minuto coi fan, a cui ha ammesso. “Se noi non andiamo a governare, ce ne torniamo a casa”  di Lorenzo Tosa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali, già pronto il vice di De Luca: il deputato Bonavitacola. Incompatibile

next
Articolo Successivo

Elezioni, Renzi: “Non serve far perdere una regione al Pd per cacciare il segretario”

next