La comunità filippina si riunisce al Campidoglio per una veglia di preghiera in memoria della connazionale Corazon Abordo uccisa da un’auto, con a bordo tre persone di origine rom, che mercoledì sera ha sfrecciato a 180 chilometri orari nel quartiere Battistini della Capitale per evitare un posto di blocco. “Vogliamo giustizia“, è la richiesta unanime. “I due ricercati (una ragazza di 17 anni è stata fermata mercoledì n.d.r.) devono costituirsi, anche i loro famigliari che chiedono il nostro perdono devono convincere questi ragazzi a consegnarsi alla polizia perché non hanno commesso un crimine ma una brutalità”. Sono le parole della cognata della vittima che sulla manifestazione del quartiere e le proteste dei cittadini contro i rom, afferma: “Non posso dire che sono tutti cattivi, c’è sempre il bene e il male. Noi non abbiamo niente contro di loro”. “E’ una tragedia che ha colpito tutta Roma – dice il vicesindaco Luigi Nieri – ma è giusto sottolineare il messaggio che arriva dalla comunità filippina: nessun odi”  di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formia, ucciso nel suo studio avvocato Mario Piccolino. Blogger pro legalità

next
Articolo Successivo

Migranti, soccorse 4.243 persone in un giorno. La Marina trova 17 cadaveri

next