La comunità filippina si riunisce al Campidoglio per una veglia di preghiera in memoria della connazionale Corazon Abordo uccisa da un’auto, con a bordo tre persone di origine rom, che mercoledì sera ha sfrecciato a 180 chilometri orari nel quartiere Battistini della Capitale per evitare un posto di blocco. “Vogliamo giustizia“, è la richiesta unanime. “I due ricercati (una ragazza di 17 anni è stata fermata mercoledì n.d.r.) devono costituirsi, anche i loro famigliari che chiedono il nostro perdono devono convincere questi ragazzi a consegnarsi alla polizia perché non hanno commesso un crimine ma una brutalità”. Sono le parole della cognata della vittima che sulla manifestazione del quartiere e le proteste dei cittadini contro i rom, afferma: “Non posso dire che sono tutti cattivi, c’è sempre il bene e il male. Noi non abbiamo niente contro di loro”. “E’ una tragedia che ha colpito tutta Roma – dice il vicesindaco Luigi Nieri – ma è giusto sottolineare il messaggio che arriva dalla comunità filippina: nessun odi”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formia, ucciso nel suo studio avvocato Mario Piccolino. Blogger pro legalità

prev
Articolo Successivo

Migranti, soccorse 4.243 persone in un giorno. La Marina trova 17 cadaveri

next