Joao Rodrigues, deputato brasiliano del partito socialdemocratico, è stato sorpreso dal canale televisivo Sbt mentre guardava un video pornografico sul cellulare nel corso di una seduta della Camera. Nelle immagini è stato offuscato lo schermo del cellulare, ma da Sbt dichiarano che sul display c’erano donne “in posizioni oscene, molto oscene”. Nel filmato diffuso dall’emittente, si vede Rodrigues seduto al suo posto mentre guarda il cellulare, a volte nascondendosi, a volte mostrandolo ad altri colleghi. Durante la sessione in cui il deputato è stato sorpreso a guardare il video, la Camera dei deputati stava dibattendo e votando una riforma della legge elettorale e l’aula era piena. 

In un messaggio pubblicato su Facebook, Rodrigues si è giustificato affermando di avere ricevuto il video porno in una conversazione di gruppo sull’applicazione WhatsApp e che, nel momento colto dalle riprese televisive, era sul punto di cancellarlo perché quel tipo di materiale non lo interessa. “Partecipo a quasi un centinaio di chat di gruppo su WhatsApp e quel giorno stavo cercando, come si dice, di dividere il grano dalla pula. Quello che mi interessa lo guardo o lo inoltro, quello che non mi interessa lo cancello. Era proprio quello che stavo facendo, stavo eliminando la pula”, ha scritto il deputato, aggiungendo di non avere solo cancellato il video, ma di avere anche bloccato la persona che lo ha inviato. Rodrigues ha inoltre sottolineato che se qualcuno si è sentito offeso dal video, quello è proprio lui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Baghdad, 2 autobombe esplodono vicino a hotel Sheraton e Babil: “Dieci morti”

prev
Articolo Successivo

Isis, uno strumento dell’Occidente

next