“Attualmente sul programma F35 abbiamo speso 3,5 mld con un ritorno di 1,6 mld: di fatto siamo pienamente in linea con le mozioni parlamentari”. Così Roberta Pinotti, ministro della Difesa, replica alle critiche che i parlamentari di Sel hanno mosso nei confronti del Documento programmatico pluriennale del ministero che non avrebbe previsto il dimezzamento delle spese militari per gli F35. Anzi, alla fine i caccia acquistati dall’Italia potrebbero essere addirittura 90. “Forse Sel pensa che in tempi di Isis sia possibile fare semplicemente una difesa non armata. Non è l’impostazione che ha questo governo”, ha aggiunto il ministro a margine della consegna della dismessa caserma Lupi di Toscana al Comune di Firenze. Infine, sui tagli alla spesa militare, Pinotti ha detto: “Da quando io sono ministro abbiamo tagliato 1,2 mld”  di Max Brod

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca, Di Maio: ‘Candidato Pd è game over, lui e Caldoro se eletti grazie a mafia’

next
Articolo Successivo

Vitalizi, Craveri: “Mai entrato in Senato, ma prendo duemila euro. Non mi vergogno”

next