Dobbiamo sperare che gli inquirenti tunisini ed italiani trovino davvero qualcosa a carico del giovane Touil Abdel, altrimenti lui, sua madre e le sue sorella non avranno più pace. Sembra un paradosso, ma ora l’accusa più grave a suo carico, sembra essere quella di non essere stato a Tunisi e al museo del Bardo nel giorno e nelle ore del massacroCome ha osato non corrispondere all’identikit? Perché mai ha preferito restare a casa sua a Trezzano, continuando persino a frequentare la scuola?

Nel migliore dei casi il suo è stato un atteggiamento provocatorio e neppure cortese nei confronti del paese che lo ospita. Cosa gli costava confessare dopo che, nell’ordine, le Autorità tunisine, quelle italiane, il presidente del Consiglio e decine di giornalisti, si erano congratulati tra di loro per il colpo messo a segno?

Sarà pure stato a Trezzano, come ha definitivamente chiarito un magistrato, ma avrebbe comunque potuto confessare qualcosa e farsi carico degli interessi nazionali, tunisini ed italiani.

Adesso non gliela perdoneranno e frugheranno sino a quando non riusciranno a rimetterlo nella scheda segnaletica del clandestino, del terrorista in sonno, del reclutatore, del capo di una cellula dormiente incaricata di mettere a ferro e a fuoco l’intera Padania.

Sia come sia, sarà il caso che gli inquirenti facciano presto ed intanto chiedano pubblicamente scusa per quanto è accaduto; perché qualunque cosa dovessero scoprire ora su Touil, resterà l’ombra di una accusa che si è dimostrata infondata e che avrebbe potuto e dovuto essere verificata prima, magari facendo una telefonata ai responsabili delle scuola per stranieri di Trezzano.

Chiedere comunque scusa e denunciare pubblicamente i responsabili dell’errore non sarebbe solo un atto di doverosa civiltà, ma anche una scelta intelligente a tutela dei tanti magistrati e poliziotti che indagano con serietà, e che cercano davvero di contrastare terrore e terroristi, quelli veri, che purtroppo esistono, senza bisogno di costruire l’ennesimo “mostro da sbattere in prima pagina” e da immortalare a reti unificate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Norman, indagini su cellulari capitano: “Chiarire con chi parlò quella notte”

next
Articolo Successivo

Biennale Venezia 2015, la chiesa-moschea dura dieci giorni: “Norme violate”

next