Il governo Renzi ha annunciato che maggio sarà il mese del conflitto di interessi.
Dal momento che sono passati oltre venti mesi di maggio da quando la metastasi del conflitto di interessi ha preso a corrodere le istituzioni e l’ordinamento democratico, non saremo certo noi a strapparci dalla testa gli ultimi capelli superstiti.

Naturalmente sorgono spontanee alcune domande:
Non sarebbe stato meglio discutere e approvare le norme prima dell’Italicum?
I contrappesi non andrebbero definiti prima di porre mano a legge elettorale e Costituzione?

Ed ancora quale legge sul conflitto di interessi? L’ennesimo rinvio ad una generica Autorità di garanzia o la definizione di una rigorosa norma che impedisca ogni indebita interferenza tra politica, affari e media?

Dal momento che si intenderebbe por mano al conflitto di interessi, sarà forse il caso che la discussione sia abbinata a quella già in atto sulla riforma della Rai.

Renzi aveva annunciato una legge per restituire la Rai ai cittadini e liberarla dal controllo dei governi e dei partiti. La proposta presentata consegna il consiglio, quasi in esclusiva, a governo e partiti, l’amministratore delegato sarà indicato dal governo medesimoSe questa minestra non vi piace, tenetevi la Gasparri che tanto al governo va bene lo stesso: sembrano queste le non velate intenzioni di chi sembra avere l’urgenza di indicare un amministratore delegato di fiducia.

Naturalmente non chiediamo di meglio che essere smentiti ed essere persino costretti a fare pubblica ammenda, ma se queste sono le premesse a questo maggio “risolutivo”, ne seguiranno tanti altri, forse venti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vitalizi, la lunga campagna tra web e piazza

prev
Articolo Successivo

L’Unità, verso il fallimento la tipografia Roto Alba di Guido Veneziani editore

next