Il pubblico ministero di Genova Nicola Piacente ha chiesto al gup Teresa Rubini il rinvio a giudizio per l’ex presidente di Banca Carige Giovanni Berneschi e gli altri nove indagati accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al riciclaggio. La richiesta è stata sottoscritta dal pool di legali dell’istituto, che si è costituito parte civile. L’udienza è stata aggiornata al 12 maggio.

Le attività investigative hanno portato a scoprire “l’indebita appropriazione di cospicui fondi aziendali”, messa a segno “mediante la distrazione di ingenti somme di denaro dalla cassa della società assicurativa del gruppo Carige attraverso acquisizioni, in forma diretta o indiretta, di immobili e partecipazioni societarie sopravvalutati e celati dietro articolate operazioni commerciali e finanziarie, aventi l’esclusivo fine di giustificare l’esborso di somme di denaro assolutamente sproporzionate rispetto ai reali valori dei beni oggetto di compravendita”.

Il pubblico ministero ha dato parere favorevole all’istanza di revoca dell’obbligo di dimora per l’avvocato Davide Enderlin e si è riservato di esprimersi sulle istanze di dissequestro dei beni mobili e immobili presentare dai legali della nuora di Berneschi Francesca Amisano e da quelli del commercialista Andrea Vallebuona. Il parere potrà essere espresso nella prossima udienza. Nel corso dell’udienza è stato affrontato anche il tema della contestazione del reato di trasferimento fraudolento di valori che si applica, secondo l’accusa, anche alla presunta truffa del 2006 già prescritta. Il pm ha sostenuto che il reato di trasferimento di valori in questo caso è aggravato dalla legge sui reati transnazionali, visto che il denaro sarebbe stato spostato all’estero, aggravante che sposta in avanti il termine prescrittivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, Valencia ha truccato dati su spesa sanità. Ue: “Multa da 18,9 milioni”

prev
Articolo Successivo

Banche, Bankitalia potrà rimuovere gli amministratori di quelle piccole

next