Adesso che ha lo scudetto in tasca e in Champions è arrivato dove nessuno si aspettava, Massimiliano Allegri gioca un po’ a nascondino. Perché la sua Juventus contro il Real Madrid non parte favorita ma allo stesso tempo “non è vero che in Europa non abbiamo niente da perdere, se usciamo ci perdiamo la finale”. Riemerge così quel #finoallafine che è stato il suo brand fin dall’ingresso a Vinovo lo scorso luglio, adottato poi sabato – dopo la vittoria di Genova – anche dal presidente Andrea Agnelli. I bianconeri indosseranno l’abito migliore possibile questa sera, quello cucito dal nuovo allenatore. Contro i campioni in carica si va con il 4-3-1-2. E’ lo smoking per le serate di gala, sfoggiato contro l’Olympiakos, quando bisognava vincere, e tolto contro il Monaco quando i panni migliori da vestire erano di lotta e di sudore. Andrà portato con leggerezza: la pressione è tutta sulle spalle della squadra di Ancelotti, arrivata a Torino non solo senza Modric ma anche orfana di Benzema. Non bastano due assenze pesanti per spostare i pronostici della vigilia, però…

Di certo la Juventus non ha voglia di abbassarsi e aspettare. La scelta di ricorrere alla difesa a quattro va letta anche in questa ottica. I bianconeri non partono pensando a non prenderle, una tattica suicida contro una squadra che ha potenziale per abbattere i muri più solidi. Anche perché la tradizione racconta che contro i galacticos la Juve ha sempre venduto cara la pelle. E non c’entra solo quella semifinale di ritorno del 2003, ultima apparizione tra le fantastiche quattro d’Europa. Quando a Torino la giostra era guidata da Claudio Ranieri, al Santiago Bernabeu scattarono tutti in piedi per Alessandro Del Piero. Era il 5 novembre 2008 e Pinturicchio impartì lezioni di calcio. Già due settimane prima i blancos subirono in Italia. I favori del pronostico erano tutti contro, ma quando i bianconeri hanno a che fare con le merengues viene meno difficile stracciarli.


La rincorsa parte da queste convinzioni e dalla cabala di una data, il 5 maggio, che in casa juventina sa di altri pronostici ribaltati, di giornate che fanno gridare al ‘miracolo’. Il resto è calcio, quello vero, giocato. E dice che Allegri deve scansare l’unica eco che continua a rimbombare: “Eh… ha incrociato Borussia e Monaco”. Ora una big ce l’ha davanti e può smaterializzare anche l’ultimo appiglio rimasto ai detrattori. Contro l’altra sponda di Madrid nei gironi ha pareggiato in casa e perso in Spagna: finora è stata la crema incontrata nel cammino di Champions. Più che i risultati, all’epoca, non piacque l’atteggiamento. La Juventus fu troppo remissiva. Oggi è un’altra squadra e soprattutto ha superato frontiere che, solo pochi mesi fa, vedeva come invalicabili. Per molti lo è anche il Real Madrid che in attacco schiererà Bale accanto a Cristiano Ronaldo. Ancelotti parla di sfida “alla pari” e prova a stanare la sua ex invitandola ad avere “coraggio”. Allegri risponde serafico che “Carlo è bravo e furbo” e dispone i suoi con la difesa a quattro (fuori Barzagli, il più in forma) e il rombo a centrocampo dove, forse, al ritorno potrebbe riapparire Paul Pogba. Pereyra sarà vertice alto, Vidal e Marchisio proteggeranno i fianchi a Pirlo, un altro artista sempre apprezzato al Bernabeu. Davanti non è ancora sciolto il dubbio tra Fernando Llorente e Alvaro Morata, fresco ex. Per Tevez non fa differenza. Sa che stanotte sulle sue spalle poggeranno le speranze di migliaia di bianconeri. Di una notte così, i tifosi minorenni o poco più, hanno un ricordo ovattato, per i più grandi è stato l’ultimo mercoledì da leoni. Il guanto di sfida è lanciato, i 41mila dello Stadium (altro incasso record) caricheranno l’aria di entusiasmo e tensione positiva. La Juventus ci crede davvero. Sa già dal 2002 che il 5 maggio tutto è possibile.

Twitter: @andtundo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorteggi Champions League, la Juve pesca il Real Madrid in semifinale. Le foto dei precedenti più importanti dal 1962

next
Articolo Successivo

Juventus – Real Madrid: 2-1 a Torino. Morata e Tevez in gol: ora la finale di Champions League è un sogno possibile

next