Domani l’esposizione universale di Milano aprirà, a 109 anni dall’ultima edizione che in città ha lasciato come eredità il parco Sempione. Ed è domani che si potrà fare un primo bilancio, dopo ritardi, polemiche, inchieste e lavoro ‘matto e disperatissimo’, 24 ore su 24, per recuperare e arrivare pronti all’apertura. “Si parte per sei mesi” ha scritto su internet il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha chiesto ai visitatori di scrivergli una mail con le loro impressioni sul sito.

Ma a poche ore dall’apertura di Expo è impossibile acquistare i biglietti per entrare nel sito di Rho-Fiera. All’Expo Gate di Piazza Castello, nel cuore di Milano, è dalle 17 di oggi che il sistema di emissione dei biglietti, sia quelli Sisom Pass che consentono l’accesso all’Esposizione per sei mesi, sia quelli giornalieri, è bloccato. E non c’è nulla da fare anche via Internet.

Dall’ufficio, chiuso mezz’ora prima rispetto all’orario previsto, cioè alle 20, spiegano che l’unica possibilità per entrare a Expo domani è recarsi a Rho Pero dove saranno attive una quarantina di casse. Amara delusione per decine e decine di persone che hanno aspettato, forse per evitare anche lunghe code, proprio l’ultimo minuto per assicurarsi il debutto di domani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Expo, promesse tecnologiche mancate: dal riconoscimento biometrico ai tag Rfid

prev
Articolo Successivo

Expo 2015, Le Monde: “Cantiere all’italiana”. Le Figaro: “Sfida immensa”

next