Per me non vi è dubbio che io mi sia reso corresponsabile moralmente”. Perché l’ex SS Oskar Groening  sapeva, fin dal suo arrivo ad Auschwitz, che gli ebrei venivano sterminati nelle camere a gas. Una confessione inaspettata, avvenuta nel corso di quello che potrebbe essere uno degli ultimi processi legati ai reati dell’Olocausto, nell’aula giudiziaria di Lueneburg, in Germania. L’uomo, che oggi ha 93 anni ed è in sedia a rotelle, ha dichiarato di avere parlato “per contrastare con i suoi racconti il negazionismo sulla vicenda”. “Chiedo perdono – ha proseguito – Sulla questione della colpa, da un punto di vista penale, spetta a lei il giudizio”.

Accusato di aver collaborato all’uccisione di 300mila persone, Groening aveva 21 anni quando è arrivato al campo nazista di Auschwitz nel 1942. L’uomo, che diversamente dagli altri membri delle SS non partecipò direttamente alle uccisioni dei prigionieri nel campo, ha voluto parlare apertamente dei suoi compiti all’interno del lager. Raccoglieva i bagagli e gli effetti personali delle persone deportate e recuperava eventuali banconote, che poi inviava negli uffici delle SS a Berlino. Da qui il soprannome di “contabile”. E ha anche affermato di aver assistito a crudeltà che avvenivano sotto i suoi occhi. Secondo l’accusa col suo comportamento ha dato sostegno allo sterminio sistematico dei prigionieri. Il legale di Groening, Hans Holtermann, ha respinto le accuse, affermando che il lavoro svolto dall’imputato nel campo di concentramento non lo rendesse un complice nelle uccisioni di detenuti.

La procura di Hannover, nell’atto di accusa, indica l’ex SS come responsabile di aver aiutato il regime nazista dal punto di vista finanziario e di aver sostenuto la sua campagna sistematica di uccisioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tokyo, 40 anni per smantellare centrale di Fukushima. Ma mancano i lavoratori

prev
Articolo Successivo

Migranti: l’Africa deve prevenire le instabilità politiche per fermare le stragi

next