È notizia di questi giorni che in pieno centro di Torino, nella splendida Galleria San Federico, a Natale 2015 aprirà, in locali di proprietà dell’Unipol, una Novacoop, cioè un supermercato della Coop. Non mi riconosco nella frase ‘la Coop sei tu’. Così come non mi riconosco in nessuno dei non-luoghi rappresentati da ipermercati e supermercati. Men che meno mi riconosco in un centro commerciale nel cuore storico ed architettonico di una città come Torino.

unicoop tirreno-640Come, ca va sans dire, non mi riconosco nei McDonald’s che hanno occupato il cuore delle maggiori città italiane. Ovviamente, la perlomeno discutibile operazione commerciale che snaturerà la Galleria San Federico, è propagandata come culturale. Così recita il Gambero Rosso: “Un megastore a tema gastronomico, dove mangiare, fare acquisti, sfogliare libri o semplicemente curiosare tra gli scaffali per scovare nuove prelibatezze e prodotti d’eccellenza”.

Modello Eataly, dunque, il supermercato per superricchi che da Torino è partito per conquistare il mondo intero (dei superricchi…). 12.000 metri quadrati di non-luogo di livello (verranno venduti solo i prodotti Coop di alta gamma) che, a quanto pare, non stimolano particolari reazioni nelle associazioni ambientaliste (Italia Nostra, se ci sei batti un colpo), né nelle forze politiche. Solo io mi indigno? Chissà, può darsi. Sarà anche per il fatto che a me questo consociativismo ‘rosso’ – Fassino (Pd), Unipol (Pd), Coop (Pd) – fa venire l’orticaria. O sarà che forse avrà ragione Bernardo Caprotti?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Wi-fi dallo spazio, il pericolo planetario?

next
Articolo Successivo

Strage ulivi in Puglia, i documenti che scagionano lo Iam non convincono i pm

next