“Siamo irrilevanti. L’Italia è l’ultimo vagone di un treno che marcia a rilento e sul binario sbagliato”. Berlusconi non presenzia personalmente alla convention azzurra sul Partito popolare europeo (Ppe) – organizzata dal vicepresidente del Parlamento europeo Antonio Tajani all’hotel Ergife di Roma – ma ci tiene a dire la sua sull’Europa. “Basta prendere atto dell’attuale ininfluenza del Paese nella politica internazionale”, sottolinea. L’ex premier esterna tutto il suo disappunto: “Il semestre si è chiuso senza risultati e il nostro commissario, l’alto rappresentate per la politica estera, è escluso dalle trattative. Tutti noi – prosegue – da membri del Ppe sentiamo il dovere di contribuire ai cambiamenti che si impongono per realizzare il sogno di mezzo miliardo di cittadini europei. Siamo consapevoli che l’Europa oggi non è quella immaginata dai padri fondatori della nostra famiglia politica”. 

B. non perde l’occasione per esprimersi sul governo Renzi: “Ci troviamo di fronte a una non democrazia, che ci sottopone ad una oppressione fiscale, giudiziaria e burocratica che fa dire al 51% degli italiani che preferirebbe cambiare Paese. Ma noi non vogliamo cambiare paese, vogliamo rinnovarlo”. Il cavaliere non nasconde la volontà di riscatto del suo partito: “Noi rappresentiamo quella maggioranza tranquilla, coraggiosa e di buonsenso del Paese. Siamo qui per trovare delle soluzioni, noi siamo – aggiunge l’ex premier, criticando “i partiti che fanno della protesta e dello sfascio la loro bandiera” – quella maggioranza saggia di italiani, di buon senso e volontà che amano la libertà e vogliono restare liberi, che non si spaventano della fatica che chiedono alla politica le garanzie dei loro beni e della loro libertà”. E sulla questione terrorismo l’ex premier lancia le sue accuse: “I terroristi ci minacciano senza che da Roma e Bruxelles sia partita una risposta. Le minacce non sono contro di noi, ma contro l’occidente e la nostra civiltà. Occorre cambiare passo e direzione”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Regionali, destra a rischio crac: da Bari a Verona patti, contropatti, ritiri e minacce

next
Articolo Successivo

Renzi: “Landini come Salvini: sono fenomeni tv, soprammobili da talk show”

next