I giornali internazionali hanno pubblicato un video girato nel giugno 2014 in cui un uomo con problemi mentali viene ucciso dai poliziotti sulla soglia della porta di casa. Il 14 giugno scorso la madre aveva chiamato la polizia perché suo figlio di 38 anni, che da tempo soffriva di disturbi di schizofrenia e bipolarismo, era peggiorato e voleva che venisse ricoverato. Al suono del campanello, come mostra il video, esce prima la madre mentre il figlio alle spalle non vuole buttare a terra il cacciavite che ha tra le mani, passano solo 6 secondi e i poliziotti iniziano a sparare uccidendolo. Il video è stato pubblicato solo ora dopo che ad ottobre la famiglia ha fatto causa ai due agenti e alla città di Dallas. L’autopsia ha rilevato sei proiettili al petto, al braccio e alla schiena. Il dibattito negli Stati Uniti si è acceso perché già in altre occasioni la polizia si è mostrata incapace di gestire le persone con disturbi mentali  collaborazione di Carlo Valentino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Da Tunisi a Israele: Mediterraneo, un mare di paura

prev
Articolo Successivo

Isis, in Yemen attacco kamikaze contro tre moschee sciite: 137 morti

next