Un gruppo di undici giornalisti chiede di diventare azionista di Charlie Hebdo. La redazione del giornale satirico a due mesi dall’attentato terroristico che ha visto 12 morti, si divide sulla gestione dei 30 milioni di euro guadagnati grazie alle ultime vendite eccezionali. Laurent Léger ha annunciato la decisione durante la riunione di redazione di mercoledì 18 marzo e, in una email diffusa dall’agenzia di stampa Afp, ha detto che con lui ci sono anche il collega Patrick Pelloux e il vignettista Luz.

Prima della strage del 7 gennaio scorso, Charlie Hebdo era sull’orlo del fallimento con una vendita di circa 30mila copie settimanali. La settimana dopo l’attentato, il numero speciale ha venduto oltre 7 milioni di copie. A due mesi dall’attacco, la redazione si trova a fare i conti con il problema della gestione dei fondi. Già durante una riunione di fine febbraio, il vignettista Luz, secondo alcune ricostruzioni, avrebbe detto: “Sono milioni avvelenati“.

Charlie Hebdo attualmente è posseduto per il 40 per cento dalla famiglia del disegnatore Charb, assassinato nell’attacco, per un altro 40 per cento dal disegnatore Riss e un 20 del cento dal nuovo direttore del giornale Eric Portheault. Critico l’avvocato del settimanale satirico: “Riss è ancora all’ospedale”, ha detto, “la parte di Charb è ancora congelata. Tutti questi soldi fanno più male che bene. La situazione fa pensare a quei funerali dove si litiga già uscendo dal cimitero per i gioielli della nonna. Dobbiamo prima pensare a far uscire il giornale ogni mercoledì”. A replicare è stato Pelloux: “Non abbiamo nulla contro la direzione attuale, nessun conflitto di alcun tipo, ma dopo quello che è successo, i dipendenti vogliono essere innanzitutto attori nell’impresa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siae, si apre l’era Sugar. Auguri ma attenzione ai conflitti di interesse

prev
Articolo Successivo

Grillo, con un partito invisibile non si va lontano

next