“Se l’Expo è il luogo dello scandalo, allora la gente ha paura, ma quella pagina lì è chiusa”. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è ottimista sull’inaugurazione dell’Esposizione e allontana gli scandali che hanno coinvolto la manifestazione spiegando che quel periodo è finito: “Nessuno – ha puntualizzato –  ha fatto quello che Milano farà nel 2015”. In chiusura il premier si lascia andare ad una battuta paragonando il cantiere di Expo a quello di un’antica cattedrale: “Iniziava a costruirla una generazione e finivano 3 generazioni dopo, ma non era colpa della burocrazia”  di
 Mario Catania

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camorra, ‘O rre del Vesuvio’ Tony Marciano ai domiciliari. I fan in estasi. Voglio scendere!

next
Articolo Successivo

Papa Francesco, a due anni dall’elezione è riuscita la sua rivoluzione? Vox e sondaggi

next