Sono state ritrovate 17 cassette audioregistrate tra i reperti del covo delle Brigate Rosse di via Gradoli, a Roma. Non risulta da nessun atto giudiziario che il contenuto di questi nastri sia mai stato ascoltato o verbalizzato. Il ritrovamento è avvenuto durante il lavoro della commissione d’inchiesta parlamentare presieduta da Giuseppe Fioroni (Pd) e in particolare da Antonia Gianmaria, magistrato distaccato all’organismo parlamentare. “Da quel che si conosce dagli atti – dichiara Gero Grassi, componente Pd della commissione – le cassette registrate ritrovate nel covo e mai ascoltate erano 18: ad oggi ne manca dunque una. Per il momento le cassette sono dunque nella cassaforte della Commissione, presto ne conosceremo il contenuto e ne valuteremo la sua rilevanza per le nostre indagini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camorra, ‘O rre del Vesuvio’ Tony Marciano ai domiciliari. I fan in estasi. Voglio scendere!

prev
Articolo Successivo

America’s Cup, il giudice archivia i politici. Prosciolti de Magistris, Caldoro e Cesaro

next