I clienti delle Frecce Trenitalia avranno diritto a un bonus del 25 per cento per i ritardi che vanno dai 30 e i 59 minuti. La nuova disciplina riguarda tutti i viaggi effettuati a partire dal 1 marzo 2015 su Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca. Il provvedimento, in linea con la carta dei diritti dei viaggiatori, amplia l’indennità già prevista per i ritardi uguali o superiori ai 60 minuti. L’importo non potrà però essere restituito in denaro.

L’azienda ha scritto in un comunicato che “il bonus è frutto della sempre maggiore attenzione che Trenitalia dedica alla propria clientela”. In realtà la decisione deriva da alcuni impegni presi in virtù di un richiamo che aveva portato a una sanzione di 1 milione di euro erogata dall’Antitrust a causa delle multe troppo alte per i passeggeri sprovvisti di biglietto. Nell’accordo con l’Autorità garante per la concorrenza, Trenitalia aveva promesso di risarcire i passeggeri per i ritardi relativi alle tratte di media e lunga percorrenza.

Inoltre, dal primo marzo aveva previsto il Biglietto globale misto, con cui il passeggero è tutelato per tutte le tratte qualora uno dei treni dovesse portare ritardo. Nella nota aziendale si legge invece che il viaggiatore ha diritto unicamente a un bonus relativo al singolo treno arrivato in ritardo. Inoltre, la richiesta di risarcimento può essere avanzata trascorsi 3 giorni dalla data del viaggio e fino a 12 mesi successivi. Il bonus è nominativo e valido per l’acquisto, entro 12 mesi dal giorno in cui si è verificato il ritardo e senza diritto al resto, di un nuovo titolo di viaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Segreto bancario, firmato l’accordo anche con il Principato di Monaco

next
Articolo Successivo

Tesoro contro Istat: “Pressione fiscale 43,1% non al 43,5%, tenere conto degli 80 euro”

next