Prima la lite, poi gli spari. E’ accaduto in un’abitazione di San Cipriano d’Aversa in provincia di Caserta, in via Modena. Un uomo di 74 anni ha avuto un diverbio con il fratello più grande e la figlia di lui. Poi ha preso la pistola e ha sparato, uccidendo entrambi. Subito dopo ha rivolto l’arma verso se stesso e ha fatto fuoco. Morto anche lui. E’ questa la prima ricostruzione fornita dalla polizia, intervenuta a seguito di diverse segnalazioni al 113. Il fratello del presunto assassino in un primo momento è riuscito a scappare in strada, ma non è riuscito a sopravvivere alle ferite. Giunti sul luogo e mentre soccorrevano il ferito, gli agenti della Polizia di Stato hanno sentito esplodere altri due colpi all’interno di uno stabile. Il 74enne, infatti, si trovava ancora in casa con la nipote alla quale ha sparato e subito dopo si è tolto la vita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto L’Aquila, dirigente in rapporto con la “cricca” guida la ricostruzione

next
Articolo Successivo

Cnr, fine sperimentazione su 65 macachi. M5S: “Ricollocarli in strutture idonee”

next