L’ingegnere informatico Hervé Falciani è la gola profonda della banca inglese Hsbc, ma quando si fa il suo nome alla City di Londra è come parlare di un appestato. Ai piedi del quartier generale della banca inglese, nel Canary Wharf, i dipendenti si trincerano dietro a un “non sono autorizzato a parlare”. La domanda fondamentale è: ciò che ha fatto Falciani è illegale o solamente amorale? Qualcuno prova a dare una risposta: “Io seguo le regole. E non sto parlando delle regole del cricket ma di quelle fiscali”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tassa sui contanti, perché non sarebbe servita a scovare gli evasori

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Mincuzzi: “L’Hbsc è una banca dell’élite”

next