L’ingegnere informatico Hervé Falciani è la gola profonda della banca inglese Hsbc, ma quando si fa il suo nome alla City di Londra è come parlare di un appestato. Ai piedi del quartier generale della banca inglese, nel Canary Wharf, i dipendenti si trincerano dietro a un “non sono autorizzato a parlare”. La domanda fondamentale è: ciò che ha fatto Falciani è illegale o solamente amorale? Qualcuno prova a dare una risposta: “Io seguo le regole. E non sto parlando delle regole del cricket ma di quelle fiscali”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tassa sui contanti, perché non sarebbe servita a scovare gli evasori

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Mincuzzi: “L’Hbsc è una banca dell’élite”

next