Secondo il Daily Telegraph, l’Isis sarebbe intenzionato a infiltrare jihadisti sui barconi di immigrati diretti sulle coste italiane, per attaccare le “compagnie marittime e le navi dei Crociati”. Una teoria già sentita dalle voci di Alfano e Salvini e sostenuta anche dall’ambasciatore d’Egitto a Londra Nasser Kamel. Una teoria che però non tiene conto di due fattori.

Il primo: un’organizzazione terroristica non spende tempo e denaro ad addestrare i propri uomini per poi scegliere come mezzo di locomozione il meno sicuro al mondo (secondo l’Agenzia Onu per i rifugiati i morti nel Mediterraneo nel 2014 sono stati 3.419);

Il secondo: gli attacchi finora effettuati sul suolo europeo non sono stati condotti da persone provenienti da un altro continente, bensì da immigrati di seconda generazione, gente cioè nata e cresciuta in Europa e infusa di quella missione sacrale che Khaled Fouad Allam ne ‘Il Jihadista della porta accanto’ (Piemme) ha definito “terrorismo di prossimità”.

A che serve allora sbandierare la minaccia di uno sbarco sulle coste italiane di jihadisti mescolati alla popolazione di profughi in fuga da guerre e miseria?

Nel libro di Paul Watzlawick ‘Istruzioni per rendersi infelici’ (Feltrinelli, traduzione di Franco Fusaro) ho trovato una storiella esemplare:

Dobbiamo adesso parlare non più della creazione del problema, ma di come si fa a non affrontarlo, allo scopo di renderlo eterno. Il fondamentale modello ci è fornito dalla storia dell’uomo che batteva le mani ogni dieci secondi. Interrogato sul perché di questo strano comportamento, rispose: «Per scacciare gli elefanti». «Elefanti? Ma qui non ci sono elefanti!» E lui: «Appunto».

La morale del paradosso di Watzlawick è che a volte scansare un problema serve proprio a far persistere quel problema. Se non precisamente quello, un altro problema a esso collegato.

Coloro che agitano lo spettro dell’Isis sui barconi non fanno altro che oscurare il vuoto di idee, la malafede e l’incapacità di mettere mano concretamente al problema degli sbarchi, che poi a ben vedere non è neppure il vero problema, dacché una verità lapalissiana è che se un barcone sbarca vuol dire che perlomeno non è affondato a largo, e che trecento persone non ci hanno rimesso la pelle.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, aziende: “100 milioni persi in pochi giorni, ma guerra peggiorerebbe le cose”

next
Articolo Successivo

Ucraina, Poroshenko chiede i caschi blu dell’Onu. Mosca: “Così Minsk a rischio”

next