L’Italia nel 2011 non entrò subito in guerra contro la Libia, come fecero Francia e Gran Bretagna. Solo dopo il via libera dell’Onu, io mi convinsi della necessità dell’intervento e l’ok del governo ci fu il 17 marzo 2011 in una riunione notturna che facemmo al teatro dell’Opera con il presidente della Repubblica Napolitano, il premier Silvio Berlusconi e il ministro degli Esteri Frattini“. Così Ignazio La Russa (deputato di Fratelli d’Italia), intevenuto a ‘L’Aria che tira‘ (La7), racconta per la prima volta l’aneddoto di come il governo Berlusconi prese la decisione di intervenire in Libia quando lui era ministro degli Esteri. “Eravamo tutti  a teatro per una celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e – spiega – dovetti insistere per convincere Berlusconi che non voleva assolutamente intervenire contro Gheddafi, dicendo che aveva dato la sua parola al Rais”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marianna Madia: “Con Di Battista catechisti insieme, oggi recita parte in Parlamento”

prev
Articolo Successivo

Islam, un giorno con il velo integrale per le vie di Milano

next