C’è qualcosa che mi sfugge, in questo improvviso revival futurista di un’Italia interventista, in ansia per la sua Quarta Sponda, che non è più scatolone di sabbia, ma serbatoio di petrolio e gas. “Armiamoci e partiamo!”, va bene. Cioè, non va bene, ma per un attimo diciamo che va bene. Però, mi restano non chiare due questioni.

La prima: con chi? Partiamo da soli? Noi e l’Egitto? Con l’Ue? Con l’Onu? Ma, a quelli dell’Onu, glielo abbiamo detto? Noi che, per il momento, non siamo neppure nel Consiglio di Sicurezza. Dove, comunque, c’è gente che ha il potere di veto e che, ad autorizzare una missione del genere, neppure ci pensa.

Dice uno: partiamo con chi ci sta, perché è umanitariamente giusto. Lì s’ammazzano, lì c’è il califfo che ci minaccia, mettiamo insieme una coalizione e partiamo. Certo, s’è già fatto, con o senza l’avallo dell’Onu. Solo in questo secolo, in Iraq nel 2003 e già in Libia nel 2011 – l’Onu diede l’avallo, ma la coalizione andò oltre- o adesso contro il Califfato tra Iraq e Siria. Oppure, c’è pure chi va da solo, come la Francia nel Mali.

Mettiamo da parte i problemi di legittimità internazionale – i decisionisti pensano che siano tutte quisquiglie – e pure i dubbi sulla fattibilità di una coalizione, di cui non s’intravvedono, per ora, i ‘volenterosi’ di turno, Egitto a parte, che comunque ha un’agenda tutta sua e neppure troppo condivisibile, anche se il premier Renzi sembra subire una certa fascinazione dal rais al-Sisi.

Ma, a questo punto, sorge l’altra questione: che cosa ci andiamo a fare in Libia? A favore di chi e contro chi interveniamo? Sosteniamo l’integrità territoriale di un Paese che abbiamo noi inventato come entità statale con quei confini?

Sento dire che ci vuole un’azione di peacekeeping: dev’essere un lapsus, perché lì la pace non c’è e, quindi, non può essere mantenuta. Prima di averla, bisogna farla: ci vorrebbe, dunque, un’azione di peace enforcing. Il che vuol dire fare la guerra: punto e basta; non solo dal cielo, ma sul campo, con perdite – e numerose – da mettere in conto, senza considerare i morti ammazzati dell’altra parte, anzi delle altre parti.

E andare a fare peace enforcing stando dalla parte di chi? Del governo più o meno legittimo, che conta come il due di picche? O di una qualche tribù? E, quando siamo lì, come distinguiamo i buoni, ammesso che ci siano, dai cattivi? E come evitiamo che le bande si saldino tra di loro contro noi che siamo lo straniero, che è pure l’invasore e l’infedele?

Mi pare tutto, ma proprio tutto, molto improvvisato e molto esagerato. Mi sa molto di cucina interna e molto poco di cucina internazionale.

Ieri, domenica, l’Ansa, la maggiore agenzia di stampa italiana, ha dedicato alla Libia oltre cento titoli. L’AP, la maggiore agenzia di stampa americana e mondiale, una decina.

Certo, la Libia è vicina: lì c’è una minaccia che percepiamo come imminente; di lì partono i barconi degli emigranti; lì c’è l’Eni; e lì siamo stati potenza coloniale. Non è che non mi renda conto di tutto ciò. Ma l’ ‘armiamoci e partiamo’ mi sembra risposta precipitata e inadeguata. E mi preoccupa l’eco di consenso un po’ acritica che suscita.

Quello della Libia è un dramma, di cui portiamo delle responsabilità, non solo negli errori del 2011. Ma commettere un errore in più non attenuerebbe il dramma e non ridurrebbe la minaccia.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Copenaghen, arrestati due presunti complici dell’attentatore

next
Articolo Successivo

Grillo: “La mattanza di Gheddafi? Peggio delle decapitazioni dell’Isis”

next