“Non sussiste conflitto d’interessi tanto è vero che non ho preso parte al Cdm (anche se un lapsus del ministro la porta a dire Cda ndr) che ha deciso questo provvedimento”. Così Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme, commenta ai microfoni de ilfattoquotidiano.it il dibattito sul conflitto d’interessi che la vede coinvolta nella duplice veste di riformatrice della banche popolari, figlia del vicepresidente di una di esse (Banca Popolare dell’Etruria) e azionista della stessa. “Le azioni che ho sono poche, non milionarie” aggiunge la Boschi, a margine del premio Santo Stefano a Prato, che poi spiega: “Non c’è nessun conflitto, ed è stato accertato anche dell’Antitrust”. In merito alla legge Frattini, che individua il conflitto d’interessi quando un membro di governo partecipa all’adozione di un atto che “ha influenza sul patrimonio suo o dei parenti”, afferma: “Non c’è questo tipo di profilo. E’ un provvedimento che fa bene a tutte le banche e Banca Etruria – conclude – aveva già deciso di diventare spa ad agosto dell’anno scorso quindi al di sopra di ogni sospetto”  di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Depuratori, Renzi commissaria la Sicilia. All’insaputa del governatore Crocetta

prev
Articolo Successivo

SC, Giannini: ‘Passaggio al Pd? Con Monti neanche una parola, ci ha abbandonati’

next