L’ultima scoperta del telescopio della Nasa Kepler è solo di qualche settimana fa: cinque pianeti simili alla Terra e un antico sistema solare. Ma quanti sono i possibili gemelli del nostro pianeta? Una astronomica cifra di cento miliardi, e questo solamente all’interno della nostra galassia, sono i ‘gemelli’ della pianeta azzurro e che potrebbero ospitare qualche forma di vita. La stima è stata elaborata da Tim Bovaird, dell’Università Australiana Nazionale, in uno studio pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Astronomical Society utilizzando proprio i dati ottenuti da Kepler, il satellite creato proprio per dare la ‘caccia’ ai pianeti extrasolari. 

Per ora i pianeti osservati, al di fuori del nostro sistema solare, sono poco meno di 2000 e di questi si stima che solo una piccola parte, forse inferiore al 20%, possa avere le condizioni giuste per avere acqua in forma liquidi (requisito fondamentale per come conosciamo la vita). Su questi dati ottenuti da Kepler i ricercatori australiani hanno creato dei modelli matematici per cui stimano che i pianeti che si trovano nelle condizioni ‘giuste’ potrebbero essere solo nella nostra galassia circa 100 miliardi.

Una cifra dieci volte superiore rispetto a stime precedenti e che aumenterebbe quindi la possibilità che esistano forme di vita al di fuori della Terra. “Tuttavia – ha spiegato Charley Lineweaver, altro responsabile dello studio – l’universo non pullula di alieni con intelligenza umana capaci di costruire radiotelescopi o navicelle spaziali. Altrimenti li avremmo in qualche modo ‘sentiti”. “Potrebbe essere – ha aggiunto – che esista qualche altro collo di bottiglia che ostacoli la nascita della vita e che non conosciamo, oppure considerare che le civiltà intelligenti crescano ma finiscono poi per autodistruggersi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cancro, studio Uk: “Una persone su due nata dopo il 1960 si ammalerà”

next
Articolo Successivo

Batteri e virus, ecco quelli che vivono in metro di NY. Anche peste e antrace

next