L’ultima scoperta del telescopio della Nasa Kepler è solo di qualche settimana fa: cinque pianeti simili alla Terra e un antico sistema solare. Ma quanti sono i possibili gemelli del nostro pianeta? Una astronomica cifra di cento miliardi, e questo solamente all’interno della nostra galassia, sono i ‘gemelli’ della pianeta azzurro e che potrebbero ospitare qualche forma di vita. La stima è stata elaborata da Tim Bovaird, dell’Università Australiana Nazionale, in uno studio pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Astronomical Society utilizzando proprio i dati ottenuti da Kepler, il satellite creato proprio per dare la ‘caccia’ ai pianeti extrasolari. 

Per ora i pianeti osservati, al di fuori del nostro sistema solare, sono poco meno di 2000 e di questi si stima che solo una piccola parte, forse inferiore al 20%, possa avere le condizioni giuste per avere acqua in forma liquidi (requisito fondamentale per come conosciamo la vita). Su questi dati ottenuti da Kepler i ricercatori australiani hanno creato dei modelli matematici per cui stimano che i pianeti che si trovano nelle condizioni ‘giuste’ potrebbero essere solo nella nostra galassia circa 100 miliardi.

Una cifra dieci volte superiore rispetto a stime precedenti e che aumenterebbe quindi la possibilità che esistano forme di vita al di fuori della Terra. “Tuttavia – ha spiegato Charley Lineweaver, altro responsabile dello studio – l’universo non pullula di alieni con intelligenza umana capaci di costruire radiotelescopi o navicelle spaziali. Altrimenti li avremmo in qualche modo ‘sentiti”. “Potrebbe essere – ha aggiunto – che esista qualche altro collo di bottiglia che ostacoli la nascita della vita e che non conosciamo, oppure considerare che le civiltà intelligenti crescano ma finiscono poi per autodistruggersi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cancro, studio Uk: “Una persone su due nata dopo il 1960 si ammalerà”

prev
Articolo Successivo

Batteri e virus, ecco quelli che vivono in metro di NY. Anche peste e antrace

next