“Ripeto quello che ho sempre detto e che non è smentibile: nessuno può escludere infiltrazioni” di terroristi “tra gli immigrati ma fino a questo momento non ci sono tracce“. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ribadendo che “la vigilanza è altissima” e che “la nostra intelligence e le Procure lavorano al massimo su questo fronte”. Il capo del Viminale risponde indirettamente all’allarme lanciato giovedì dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, che da Londra avvertiva: “Esiste un rischio notevole di infiltrazioni terroristiche tra i migranti”.

“Combattere il terrore è una battaglia di libertà“, ha detto Alfano intervenendo ad un’iniziativa in ricordo della Shoah, sottolineando che “la pace non è data per sempre” e dunque “occorre vigilare e stare con le orecchie attente, pronti a combattere una nuova battaglia per la pace, la libertà e la democrazia”. “I fatti di questi mesi – aggiunge il titolare del Viminale – ci ricordano ancora oggi che la lotta contro il terrore e la paura è una lotta che è parte integrante delle battaglie dei paesi occidentali e delle democrazie”. Ci sono persone, sottolinea ancora “che prendono in ostaggio un Dio per uccidere, ma bisogna sempre distinguere tra chi prega e chi spara”. Ecco perché, concluse, da Parigi arriva una “lezione politica e morale: il cammino per la libertà e la democrazia ha fatto tanti passi ma non è ancora definitivamente compiuto”.

Nuove dichiarazioni dopo quelle inanellate negli ultimi mesi, cui finora il governo non ha fatto seguire molti fatti. Le norme antiterrorismo annunciate lo scorso settembre e date per “pronte” e “urgenti” non riescono ad approdare in Consiglio dei ministri: è di giovedì l’ultimo rinvio. La motivazione: fonti di governo sottolineano che la parte del decreto che riguarda le missioni internazionali sarebbe ancora in via di definizione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doppie poltrone in Parlamento, rivincita di Cantone su ordini professionali

next
Articolo Successivo

Renzi a Frau Merkel: “Mossa della Bce non basta, proseguiamo con riforme”

next