Ci risiamo. Un’altra volta. L’ennesima volta. Maurizio Gasparri utilizzando il social network twitter commenta la notizia “fake” letta su “Piovegovernoladro” che sosteneva che le ragazze appena liberate, Greta e Vanessa, avessero fatto del sesso consenziente con i loro rapitori. Il web si è scatenato e in poche ore in nottata l’hashtag #Gasparrifuoridatwitter è diventato top trend. Sono diversi gli hashtag che si rincorrono che chiedono al Vice Presidente del Senato di dimettersi: #Gasparridimettiti, #dimissioniGasparri, #GasparrifuoridalSenato etc…

 

Raggiunto da Repubblica Maurizio Gasparri si giustifica così:
Senatore, perché quella frase infelice?
“Ho letto la notizia. Mi sono limitato a chiedere se fosse vera. Peraltro, a una persona che mi ha offeso per quelle parole, ho scritto di vergognarsi. E come ho detto a lui, ripeto a voi: un sito riportava che lo avevano detto le due ragazze ai pm. Ho anche scritto che spero non sia vero. Io registro e chiedo. Non ho affermato nulla”.
Ma lei ha un ruolo istituzionale, forse Twitter non è il luogo in cui chiedere una cosa del genere. E non in quel modo.
“È un luogo di trasparenza. Si capirà se c’è un falso. Io non vedo perché non posso fare una domanda. Qual è il problema? Mica faccio un’affermazione, faccio solo una domanda”.
– Quel sito è autorevole?
“Che ne so”.

Ci si domanda quindi se una carica istituzionale possa essere così approssimativa nel tirare conclusioni affrettate. Sui social Maurizio Gasparri è noto per le sue gaffe: spesso e volentieri insulta chi lo attacca e solo qualche mese fa è scoppiato il caso della ragazza che per difendere il cantante Fedez, accusato a sua volta da Gasparri di essere un “cosodipinto che fa orrore”, si era vista twittare “Meno droga, più dieta, messa male“.

Ancora una volta l’uso dei social è al centro delle polemiche: una carica dello Stato può essere così leggera nel comunicare? 

Non ci dovrebbero dare il buon esempio in quanto rappresentanti delle Istituzioni? Nel frattempo su twitter i vari utenti tra ironia e nervosismo chiedono al Vice Presidente del Senato di dimettersi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Greta e Vanessa, Gasparri su Twitter: “Sesso consenziente con guerriglieri?”

next
Articolo Successivo

Greta e Vanessa, disinformazione pura

next