Le vignette sull’Islam pubblicate dalla rivista satirica Charlie Hebdo sono state il pretesto che ha spinto degli assassini a uccidere 12 persone, tra cui alcuni dei principali disegnatori di Francia. Troppe parole scorrono adesso sul sangue innocente e libero di tutte e 12 queste vittime di una barbarie assoluta. Aggiungere parole, analisi o ipotesi non serve. Forse non servirà neppure ciò che ho scelto di fare nel mio piccolo, un omaggio che raccoglie molte vignette del Charlie Hebdo che, negli anni, ha raccontato lo sport a suo modo. Il calcio e il ciclismo soprattutto sono stati oggetto della satira pungente di Wolinski, Gebe, Riss, Charb, Luz, Cabu, Tingnous e tutti gli altri. Chi è sopravvissuto alla strage continuerà a disegnarne altre, sorridere delle vignette di chi non c’è più, è ciò che ho fatto oggi, per ricordarli.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dakar 2015, morto il pilota Michal Hernik. “Non presenta segni di incidente”

prev
Articolo Successivo

Footvolley: non proprio per tipi da spiaggia

next