Dopo aver fatto bagordi durante tutte le feste, è ora di rimettersi in riga con un’alimentazione più sana. La dieta mediterranea ci viene in soccorso. Nulla di più semplice da seguire che questo comandamento: mangiare solo pesce ed insalata! Ma niente paura, stiamo parlando di “pesce azzurro”: il più economicamente abbordabile e per le sue caratteristiche il più adatto a contrastare il colesterolo “cattivo”. Gli acidi grassi saturi sono contenuti in affettati, carne, formaggi e latticini e dolci e fanno aumentare il tasso di colesterolo. Il pesce è ricco di acidi grassi polinsaturi, in particolare di Omega3 e Omega6, che consentono un abbassamento del livello di colesterolo nel sangue e rendono quest’ultimo più fluido. Il “colesterolo buono” (HDL), che aiuta ad eliminare il colesterolo “cattivo” (LDL) in eccesso e quindi a prevenire le malattie cardiovascolari, può essere aumentato grazie ad una dieta ricca di Omega3.
Per i pranzi e le cene dei prossimi giorni, oltre a sostituire l’olio extra vergine d’oliva al burro, possiamo pensare a preparare pietanze a base di pesci che contengono Omega3, come salmone, aringa, tonno, alalunga e palamita, ma soprattutto “pesce azzurro”.

Per “pesci azzurri” si intendono commercialmente alcune varietà di pesce, di piccola pezzatura, con la colorazione dorsale blu (o verde) e la colorazione ventrale argentea. Possiamo facilmente comprare a prezzi accessibili – perché i nostri mari ne sono pieni – sardine, alacce, alici, sgombri e lanzardi, spratti o papaline, aguglie, cicerelli, costardelle e suri (il suro è detto anche sugherello in Lazio, sùgaro in Toscana, sorello in Liguria e sauro In Sicilia e nelle regioni meridionali).
Nel libro dello chef Luca Giovanni Pappalardo, “Scuola facile di pesce”, possiamo trovare alcune gustose ricette da preparare in poco tempo: “Ho voluto scrivere questo libro perché ho notato che la gente ha spesso molta difficoltà a cucinare il pesce, poiché crede che sia complicato e lasci cattivi odori in cucina. In realtà questo è spesso dovuto a pregiudizi e ad errori di cottura. Inoltre molti pensano che il pesce costi tanto, in realtà basta comprare del pesce azzurro per avere dei prodotti di altissima qualità anche a 4 euro al chilo. Con un chilo di sarde o di alici cucini per venti persone! Il bello del pesce azzurro è che è declinabile in un’ampia gamma di abbinamenti… con verdure di stagione, pasta, risotti o legumi e – ancora meglio – è possibile mangiarlo crudo, dopo gli opportuni trattamenti… pensiamo alle alici marinate. Questo libro ha la funzione di essere una vera scuola di ricette semplici, accessibili a tutti, che prendono per mano il lettore e lo portano dall’acquisto del pesce al mercato fino alla finitura del piatto.”

Orecchiette con alici, broccoli e ricotta salata

Ingredienti: 360g di orecchiette, 200g di alici fresche, 300g di broccoli, 200g di ricotta salata, 2 spicchi d’aglio, 3 filetti di alici sott’olio, 1 peperoncino fresco, sale e olio extra vergine d’oliva q.b.
Preparazione: tagliare i broccoli rispettando la forma delle cime, poi sbollentarli in acqua bollente salatae infine ripassarli in padella con l’aglio, le alici sotto’olio e il peperoncino. In un altro tegame, mentre la pasta cuoce nell’acqua di cottura dei broccoli, tostare le alici fresche, pulite e senza lische, in un filo d’olio. Appena pronte aggiungere i broccoli, la pasta scolata al dente, e finire con una grattugiata abbondante di ricotta salata.

Piccoli pesci azzurri grigliati

Ingredienti: 300g di alici, 300g di sarde, 300g di saraghine, 4 cicerelli, 4 sgombretti, 1kg di pangrattato, 2 spicchi di aglio, 1 mazzetto di prezzemolo, sale e olio extra vergine d’oliva q.b.
Preparazione: Squamare ed eviscerare i pesci. Impastare il pangrattato con il prezzemolo spezzettato, l’olio e l’aglio tritato. Impanare nel composto solo le alici, le sarde e le saraghine. Scaldare e ungere la griglia, poi cuocere tutti i pesci partendo da quelli più grandi. Appena cotti servire subito e finire con un filo di olio a crudo e una spolverizzata di sale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chef’s Cup 2015, la decima edizione della gara internazionale in Alto Adige

prev
Articolo Successivo

Yoga, cominciamo l’anno con slancio

next